Il pirodiserbo ha il grande vantaggio di non disperdere sostanze potenzialmente tossiche nell’ambiente e di non lasciare residui sul terreno e sulle piante.

Con l’entrata in vigore del PAN (Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari) e quindi il conseguente divieto di utilizzare diserbanti chimici in molte aree urbane e non solo, il pirodiserbo è di fatto diventato un mezzo ideale nella gestione delle erbe infestanti la dove non si può o non si vuole usare la chimica.

È un mezzo di controllo delle infestanti che agisce in maniera non selettiva mediante una fiamma libera ad alto potere termico generata da appositi bruciatori alimentati a gas propano (GPL).

Il meccanismo di azione erbicida del pirodiserbo è quello del così detti “shock termico”, ossia della “lessatura” dei tessuti vegetali sottoposti ad alta temperatura (circa 1400C°) per pochi decimi di secondo che determina successivamente il loro disseccamento.

Si può usare in AMBITO E VERDE URBANO, PARCHI, GIARDINI, CIMITERI, CENTRI STORICI, CINTA MURARIE, AREE SENSIBILI

Filtro